Mad: facciamo un po’ di chiarezza

La domanda può essere inviata in qualsiasi momento

La fine dell’a.s. 2017/2018 è ormai alle porte e quindi siamo pronti ad iniziare l’a.s. 2018/2019. Come ogni settembre migliaia di insegnanti si stanno informando sul come e dove poter inviare le domande di messa a disposizione, le c.d. MAD.

Chi può inviare le MAD?

Ricordiamo che la domanda di messa a disposizione la può inviare chiunque abbia i requisiti minimi per l’insegnamento: laurea o diploma in base al grado di scuola ed alla classe di concorso. Tramite questa semplice applicazione web è possibile vedere in base al proprio titolo di studio per quali classi di concorso potete invaiare la domanda.

Quindi si può essere abilitati o meno, essere iscritti in terza fascia o meno. Se puoi insegnare in una classe di concorso puoi inviare la MAD.

Quando inviare la domanda?

La domanda può essere inviata in qualsiasi momento, ma conviene sempre inviarla dal primo settembre, giorno in cui inizia il nuovo anno scolastico. Inoltre è bene non far passare troppo tempo in quanto alcune scuole accettano le MAD solo fino ad una certa data decisa dal dirigente scolastico.

Quanto costa e dove inviare la domanda?

La MAD è gratuita e si può inviare a tutte le scuole in cui è possibile insegnare. Alcuni siti offrono dei servizi a pagamento per inviare più MAD contemporaneamente, ma è a scelta del singolo utente utilizzarli o meno. Lo stesso lavoro si può fare da soli, inviando la domanda a tutte le scuole, in maniera completamente gratuita. Basta andare sul sito della scuola e trovare la mail dell’istituto.

Per scaricare il modello di MAD da compilare tranquillamente in word basta cliccare qui, per inviarla avrete bisogno della mail della scuola. Una volta compilata la domanda vi basterà inviarla tramite la vostra email personale.

Puoi inviare le MAD anche a TUTTE le scuole in cui puoi insegnare, senza nessun rischio di essere depennato.

Posso inviare la MAD su sostegno?

Puoi inviare la MAD su sostegno per l’ordine di scuola in cui hai i requisiti minimi per l’insegnamento in una sola provincia, pena l’esclusione, se non risulti iscritto in nessuna graduatoria sul sostegno. La nota 37381 del 29 agosto 2017 è molto chiara:

Le domande di messa a disposizione devono essere presentate esclusivamente dai docenti che non risultino iscritti per posti di sostegno in alcuna graduatoria di istituto e per una provincia da dichiarare espressamente nell’istanza e, qualora pervengano più istanze, i dirigenti scolastici daranno precedenza ai docenti abilitati“.

È proprio questa la parte in cui ci sono i maggiori dubbi da parte dei docenti italiani. Nella nota dell’anno scorso, la 24306 del 1 settembre 2016, per quanto riguarda i posti sul sostegno, leggiamo “Le domande di messa a disposizione devono essere presentate esclusivamente dai docenti che non risultino iscritti in alcuna graduatoria di istituto e per una sola provincia da dichiarare espressamente nell’istanza e, qualora pervengano più istanze, i dirigenti scolastici daranno precedenza ai docenti abilitati”.
Questa però è la nota precedente; ora dobbiamo fare riferimento alla 37381 del 29 agosto 2017, quella sopra riportata.

In caso di supplenza su MAD verrà caricato l’intero punteggio sulla tua classe di concorso.

Aggiornamento A.S. 2018/2019

Come riportato nella nota 0037856 del 28-08-2018, è confermato anche per questo anno scolastico che

“Le domande di messa a disposizione devono essere presentate esclusivamente dai docenti che non risultino iscritti per posti di sostegno in alcuna graduatoria di istituto e per una provincia da dichiarare espressamente nell’istanza e, qualora pervengano più istanze, i dirigenti scolastici daranno precedenza ai docenti abilitati.”

Metti un like alla nostra pagina Facebook per rimanere sempre aggiornato.
Hai dubbi o cerchi informazioni in merito a quanto è riportato in questo articolo? Non esitare a contattarci o ad iscriverti al nostro gruppo Facebook. Avrai risposte veloci e sicure con i riferimenti normativi che ti consentiranno di verificare la veridicità delle nostre informazioni.

Summary
Mad: facciamo un po’ di chiarezza
Article Name
Mad: facciamo un po’ di chiarezza
Description
La MAD la può inviare chiunque abbia i requisiti minimi per l’insegnamento: laurea o diploma in base alla classe di concorso.
GTC
Succede in italia
Succede in Italia