Docenti dimenticati della scuola dell’infanzia e della primaria

I docenti dimenticati della scuola dell’infanzia e della primaria

Ormai da più di un anno si sta parlando molto della scuola: dal FIT, alla fase transitoria riservata ai docenti abilitati, al concorso riservato ai docenti con esperienza che sembra voler essere annullato dall’attuale governo. Tutti questi argomenti però riguardano sempre, solo ed esclusivamente la scuola secondaria di primo grado. Ci sono degli insegnanti di cui nessuno parla da un po’: I docenti dimenticati della scuola dell’infanzia e della primaria.
Dei colleghi della scuola dell’infanzia e della primaria ne abbiamo già parlato qui ma ci sembra giusto fare un riassunto della situazione ad oggi.

I docenti dimenticati della scuola dell’infanzia e della primaria – Abilitazione

la scuola dell’infanzia e la scuola primaria continuano a seguire le norme dettate dal DM 249/10. Ad oggi se non si è già abilitati su infanzia o primaria l’unica strada percorribile per conseguire l’abilitazione è quella di iscriversi al corso di scienze della formazione primaria. Che ricordiamo, come stabilito dal DM sopramenzionato, è “un corso di laurea magistrale quinquennale, a ciclo unico” […] “a numero programmato con prova di accesso”.

I docenti dimenticati della scuola dell’infanzia e della primaria – Concorso

Al concorso potranno partecipare solo i docenti che risulteranno abilitati. NON ci sarà bisogno dei 24 CFU, i quali servono solo per la scuola secondaria di primo e secondo grado.

Il concorso per la scuola dell’infanzia e la scuola primaria deve essere bandito ogni 3 anni. L’ultimo concorso si è svolto nel 2016 per un totale di 24.232 posti che verranno assegnati nel corso del triennio 2016/2018. Quindi il prossimo concorso ci sarà nel 2019, sempre che il governo non cambi le carte in tavola.

I docenti dimenticati della scuola dell’infanzia e della primaria – Specializzazione sul sostegno

Anche in questo caso si continuano a seguire le norme del DM sopracitato. I corsi per abilitarsi sul sostegno sono stai disciplinati a fine 2016 tramite il DM 948/2016.

I nuovi percorsi saranno attivati tra la metà del 2018 e l’inizio del 2019. Sempre se il governo non cambierà la normativa.

I docenti dimenticati della scuola dell’infanzia e della primaria – Passaggio alla scuola secondaria

Questo è forse il punto più dolente della questione. Molti docenti vorrebbero avere la possibilità di abilitarsi su una classe di concorso che consenta loro di fare il passaggio alla scuola secondaria. Ad oggi, leggendo ciò che riporta la bozza, sappiamo che l’intenzione del governo è quella di rendere il concorso abilitante. Chi ha il titolo di studio idoneo potrà partecipare al concorso ed una volta superato sarà abilitato sulla materia. Chi ha già un’abilitazione, in qualsiasi grado e qualsiasi classe di concorso, potrà partecipare al concorso senza dover prendere i 24 CFU.
Quindi l’unica maniera per poter insegnare nella scuola secondaria, se ciò che è scritto nella bozza verrà confermato, sarà quello di superare il concorso docenti.

3 giorni fa il Senatore Pittoni ha scritto sul suo profilo Facebook in una risposta “il nuovo ciclo Pas è già nella mia bozza di aggiornamento del DL 59.”. Ricordiamo che la Lega da sempre parla di un nuovo PAS e se le cose stanno così tra non molto ci potrebbe essere un’altra occasione per abilitarsi: un nuovo Pas.

Metti un like alla nostra pagina Facebook per rimanere sempre aggiornato.
Hai dubbi o cerchi informazioni in merito a quanto è riportato in questo articolo? Non esitare a contattarci o ad iscriverti al nostro gruppo Facebook. Avrai risposte veloci e sicure con i riferimenti normativi che ti consentiranno di verificare la veridicità delle nostre informazioni.

Summary
I docenti dimenticati della scuola dell’infanzia e della primaria
Article Name
I docenti dimenticati della scuola dell’infanzia e della primaria
Description
Ci sono degli insegnanti di cui nessuno parla da un po’: I docenti dimenticati della scuola dell’infanzia e della scuola primaria...
GTC
Succede in italia
Succede in italia