Concorso 2018 per abilitati

concorso docenti 2018 abilitati

Il bando per il concorso docenti 2018 per abilitati è stato finalmente pubblicato nella gazzetta ufficiale n. 14 del 16 febbraio 2018 .

Requisiti di ammissione al concorso

Come sempre andiamo a vedere chi può accedervi. Come prima cosa ricordiamo che questo concorso è riservato SOLO a chi è abilitato sulla materia o specializzato sul sostegno come già avevamo anticipato qui.

All’art 3 vengono elencato i requisiti di ammissione:

  1. Sono ammessi a partecipare alle procedure di cui al presente decreto i candidati in possesso del titolo di abilitazione all’insegnamento in una o più classi di concorso della scuola secondaria di primo o di secondo grado, o, per i soli posti di sostegno, che aggiungano al titolo abilitante la specializzazione per il sostegno per i medesimi gradi di istruzione. I suddetti titoli devono essere stati conseguiti entro il 31 maggio 2017;
  2. Gli insegnanti tecnico-pratici possono partecipare al concorso per posti comuni purché siano iscritti nelle graduatorie ad esaurimento oppure nella seconda fascia di quelle di istituto, alla data del 31 maggio 2017;
  3. Sono ammessi con riserva alla procedura concorsuale per posti di sostegno i docenti abilitati che conseguano il relativo titolo di specializzazione entro il 30 giugno 2018;
  4. Sono altresì ammessi con riserva coloro che, avendo conseguito il titolo abilitante o la specializzazione sul sostegno all’estero entro il 31 maggio 2017.

Ricordiamo inoltre che non c’è nessun divieto per i docenti di ruolo che intendono partecipare al concorso.

Domanda di partecipazione e costi

All’art. 4 è riportato che i candidati possono presentare domanda solo in una regione per tutte le classi di concorso o tipologie di posto per le quali posseggano i requisiti. Le domande saranno presentate solo tramite POLIS (istanze online) e si potranno presentare ore 9:00 del 20 febbraio 2018 fino alle ore 23:59 del 22 marzo 2018.

Per partecipare il concorso si dovrà effettuare il pagamento, esclusivamente tramite bonifico, di 5,00€ per ciascuna classe di concorso per cui si concorre.

La prova orale

All’art. 6 è specificato che il concorso è formato da una prova orale che ha per oggetto il programma di cui all’Allegato A del decreto ministeriale n. 95 del 2016 e consiste in una lezione simulata e nell’esplicitazione delle scelte didattiche e metodologiche in relazione ai contenuti disciplinari e al contesto scolastico indicati dalla commissione. La commissione valuta la padronanza delle discipline in relazione alle competenze metodologiche e di progettazione didattica e curricolare, anche mediante l’utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

La commissione nell’interlocuzione con il candidato valuta anche la capacità di comprensione e conversazione nella lingua straniera prescelta dal candidato almeno al livello B2 del Quadro comune europeo di riferimento per le lingue. La lingua straniera sarà scelta del candidato tra francese, inglese, spagnolo e tedesco (come specificato nell’art. 4 comma 6).

Per chi svolge la prova per i posti di sostegno la commissione valuta la competenza del candidato nelle attività di sostegno alla studentessa e allo studente con disabilità volte alla definizione di ambienti di apprendimento, alla progettazione didattica e curricolare per garantire l’inclusione e il raggiungimento di obiettivi adeguati alle possibili potenzialità e alle differenti tipologie di disabilità, anche mediante l’impiego delle tecnologie normalmente in uso presso le istituzioni scolastiche.
Verrà inoltre valutata la conoscenza della lingua straniera seguendo gli stessi criteri del posto comune.

Le tracce delle prove orali sono predisposte da ciascuna commissione (art. 7 c. 2) e ciascun candidato estrae la traccia su cui svolgere la prova, 24 ore prima dell’orario programmato per la propria prova.

Infine la prova ora ha una durata massima di 45 minuti, come da art. 8 c. 1.

Valutazione della prova orale e dei titoli

Nell’art. 9 è specificato che la valutazione della prova orale che non prevede un punteggio minimo (ossia non si può essere bocciati), e dei titoli, la commissione ha a disposizione un punteggio massimo pari rispettivamente a 40 punti e a 60 punti.

I punteggi per la prova orale saranno così suddivisi:

  • Da 0 a 3 punti per la capacità di comprensione e conversazione nella lingua straniera;
  • Da 0 a 3 punti per le competenze nell’utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione;
  • Da 0 a 34 punti per la padronanza delle discipline in relazione alle competenze metodologiche e di progettazione didattica e curricolare.

I titoli culturali e professionali saranno valutati fino ad un massimo di 60 punti ai sensi dell’allegata tabella A del decreto ministeriale n. 995 del 15 dicembre 2017.

I punteggi per i titoli culturali e professionali saranno così suddivisi:

  • Titolo di accesso: Da 0 a 34 punti;
  • Titoli professionali e culturali: Da 0 a 25 punti
  • Pubblicazioni: Da 0 a 9 punti
  • Servizio: Da 0 a 30 punti.

I titoli devono essere conseguiti entro la data di scadenza del termine previsto per la presentazione della domanda di ammissione, ossia il 22 marzo, secondo l’art. 10 comma 1 e non potranno superare i 60 punti in totale.

Graduatorie regionali di merito

Nell’art. 11 possiamo leggere come verranno formate le graduatorie. Esse comprendono tutti coloro che, avendo proposto istanza di partecipazione alla procedura concorsuale, abbiano sostenuto la prova orale. Sottolineiamo ancora che NON si può essere bocciati alla prova orale.

Assunzione a tempo indeterminato

Ogni anno verranno prese un determinato numero di persone, in base ai posti disponibili, che potranno partecipare al cosiddetto anno di prova che prevede le medesime condizioni normative ed economiche del contratto di supplenza annuale, come specificato all’art. 12 c. 2.

Inoltre, al comma 3 del sopracitato articolo, è specificato che “l’ammissione al percorso annuale comporta la cancellazione da tutte le graduatorie di merito regionali, nonché’ da tutte le graduatorie ad esaurimento e di istituto, per ogni classe di concorso e tipologia di posto”.
Quindi solo DOPO esser entrati nell’anno di prova si verrà cancellati da tutte le graduatorie, NON prima. Si rimane nelle graduatorie di seconda fascia e nelle GM del concorso 2016 finché non si inizierà l’anno di prova. Quindi chiunque può partecipare al concorso senza temere nessun tipo di cancellazione.

 

Come sempre se avete una qualsiasi domanda non esitate a contattarci qui o su Facebook.

Summary
Concorso 2018 per abilitati
Article Name
Concorso 2018 per abilitati
Description
Il bando per il concorso docenti 2018 per abilitati è stato finalmente pubblicato nella gazzetta ufficiale n. 14 del 16 febbraio 2018 .
GTC
Succede in italia
Succede in Italia